Ecogeo

Home/Ecogeo

Circa Ecogeo

Questo autore non ha riempito alcun dettaglio.
Finora Ecogeo ha creato 7 post nel blog.

Archivi paleoecologici svelano la nascita dell’insediamento dell’età del bronzo di Bergamo

2020-03-16T09:57:18+01:00

Cesare Ravazzi, Roberta Pini, Mattia De Amicis, Lorenzo Castellano, Roberto Comolli, Davide Abu El Khair, Giulia Furlanetto, Diego Marsetti, Renata Perego, hanno il piacere di presentare il lavoro sulla paleotopografia, sedimentologia, cronologia e paleoecologia dei depositi sottostanti alla Cattedrale S. Vincenzo di Bergamo e ad altri siti intorno a Piazza Vecchia nella Città Alta di Bergamo, condotto dal Gruppo di Ricerche Stratigrafiche Vegetazione, Clima, Uomo del CNR, Milano, e recentemente pubblicato nella rivista Review of Palaeobotany and Palynology.

I nuovi dati forniscono una nuova prospettiva per l’origine del centro abitato di Bergamo, che è indiziato in loco da polline di cereali, piante e fuoco antropogenico come centro agropastorale già nel 1415 a.C. (median probability), si sviluppa con continuità di insediamento tra il 1280 a.C. (median probability) e la prima fase di massima espansione (tra il 1030 e il 750 a.C.). Questo ciclo viene concluso da un cambiamento nell’uso del suolo (750 a.C.) prima dello sviluppo della città celtica nel VI-V sec. a.C.

Nella prosecuzione delle indagini andrà posta particolare attenzione alla scoperta di depositi bacinali, con estensione ininterrotta per almeno 3 secoli (tra 1030 fino ad oltre 750 a.C.), nella parte più antica della sequenza al di sotto della Cattedrale di S. Vincenzo.

E’ molto probabile che questo sito di approvvigionamento idrico, situato in una depressione forse valliva profonda 15 metri, ma forse anche modellata artificialmente a seguito della preparazione di una vasca / pozza, fornisse la risorsa idrica fondamentale per le attività agropastorali alla sommità del colle di Bergamo, oltre 1000 anni prima dell’allestimento delle cisterne in età romana. E’ probabile che l’insediamento si sia sviluppato, nell’età del Bronzo Recente e Finale, in relazione con questo sito.

Gli autori ringraziano a vario titolo: Raffaella Poggiani, Maria Fortunati, Sergio Chiesa, Fabio Baio, Franco Magri, Stefano Banfi, Camilla Croci, Bernardo Raineri, Giovanni Monegato, Stefania Casini.

Scarica l’articolo pubblicato sulla rivista Review of Palaeobotany and Palynology.

Archivi paleoecologici svelano la nascita dell’insediamento dell’età del bronzo di Bergamo2020-03-16T09:57:18+01:00

Ecogeo sul mensile “Bergamo Economia Magazine”

2020-03-04T15:09:20+01:00

Sul numero di Febbraio 2020 di “Bergamo Economia Magazine“, Ecogeo è protagonista dell’articolo di copertina dal titolo: “Ecogeo: un’eccellenza bergamasca per lo sviluppo sostenibile del pianeta“. Per leggere l’articolo, clicca qui.

Ecogeo sul mensile “Bergamo Economia Magazine”2020-03-04T15:09:20+01:00

Coronavirus: dieci comportamenti da seguire

2020-02-24T12:47:06+01:00

Considerata l’evoluzione della situazione relativa alla diffusione del contagio da Coronavirus (Covid-19), Ecogeo invita tutti i propri collaboratori a seguire i dieci comportamenti consigliati dal Ministero della Salute che potete leggere nel dettaglio in questo opuscolo.

Coronavirus: dieci comportamenti da seguire2020-02-24T12:47:06+01:00

Pubblicazione di un articolo sulla miniera di fluorite a Zogno

2020-03-04T14:44:07+01:00

Sulla rivista francese “Le Règne Minéral“, Diego e Renato Marsetti, insieme a Stefano e Federico Pezzotta, hanno pubblicato un articolo dal titolo “La fluorite a Zogno” sul giacimento di fluorite della miniera di Camissinone, localizzato nel Comune di Zogno, ad una quota compresa tra 700 e 860m. Per leggere l’articolo, clicca qui.

Pubblicazione di un articolo sulla miniera di fluorite a Zogno2020-03-04T14:44:07+01:00

Convegno “Brescia è davvero la provincia più inquinata d’Italia?”

2020-02-11T15:21:34+01:00

Il Dott. Diego Marsetti parteciperà in qualità di relatore, giovedì 21 febbraio 2019, alle ore 20.40, al convegno “Brescia è davvero la provincia più inquinata d’Italia?

Convegno “Brescia è davvero la provincia più inquinata d’Italia?”2020-02-11T15:21:34+01:00